Pronti per l’inverno? Conosciamo meglio la vitamina C

Vitamina C dove trovarla e come utilizzarne al meglio le caratteristiche.

Manca veramente poco all’inverno, ormai siamo immersi in un autunno inoltrato che ancora non ci ha ghiacciato come si deve.
Per esser pronti alle prime gelate invernali e preparare il nostro corpo ai primi veri sbalzi di temperatura, possiamo migliorare la nostra alimentazione con pochi semplici trucchi. Vediamo un po’ come fare. 
Vaccini a parte, senza entrare nei meriti del si o del no, credo che un’attenta alimentazione possa veramente essere un vero e concreto rinforzo per il nostro organismo, e la vitamina C rimane un elemento essenziale per affrontare questa terribile stagione, nel modo giusto.  
Pur consumando meno frutta e verdura in autunno, possiamo osservare proprio in questo periodo che i 

negozi alimentari hanno nel loro banco freschi, una grande abbondanza di agrumi, infatti gli aranci, i mandarini, i pompelmi e tutti gli agrumi in genere rimangono uno dei maggior fornitori naturali di questa vitamina, senza mai trascurare il Kiwi.
 
Adesso andiamo a conoscere quali sono i punti che non dobbiamo mai tralasciare:
 
  • La vitamina C maggiormente si trova nella frutta e nelle verdure e in particolare negli agrumi, kiwi, fragole, ribes nero, e nelle verdure in particolare: pomodori, peperoni, broccoli, rucola, cavolfiori, cavolo, spinaci.
  • Integrare le nostre diete con un consumo di almeno due o tre frutti freschi al giorno tra i quali: arance, pompelmo, mandarini, ecc. Ricordatevi che gli agrumi danno il meglio di se se utilizzati a fine pasto o al mattino nella prima colazione
  • Consumare sempre durante i pasti una buona quantità di verdura di stagione
  • La frutta e la verdura che conserviamo in frigo, con il tempo subisce delle perdite di contenuti di vitamina C, quindi sempre meglio consumarla fresca. Consigliamo di fare tanti acquisti durante la settimana con quantità ridotte.
  • Proprio per il punto precedente dovete sapere che la vitamina C è sensibile alla luce e all’ossigeno, quindi frutta e verdura andrebbero conservate in luoghi chiusi e non esposti alla luce diretta, cosa difficile da fare; quindi una volta sbucciata o spremuta consumarla immediatamente; altrettanto per i succhi ottenuti da centrifugati o estratti.
  • La vitamina C è idrosolubile e subisce degradazione per instabilità al calore, se frutta e verdura sono bollite in acqua la vitamina si perde. Se ne perde meno se le verdure sono cotte con le microonde, al vapore, alla piastra, cottura il più possibile breve e senza acqua.
  •  Per assumere completamente tutta la vitamina C è essenziale mangiare la frutta e la verdura cruda ed magari anche preparare condimenti di verdure crude, frullate o a pezzetti, sono molto più buoni e preservano tutti i micronutrienti.
  • Aggiungete il limone al tè, alla carne e al pesce. Tale aggiunta di limone ai vostri piatti permette di limitare l’aggiunta di condimenti grassi e favorisce l’assorbimento del ferro contenuto nelle verdure.
  • Un corretto apporto di vitamina C è consigliato nei bambini e a chi normalmente soffre
    d’infezioni ricorrenti.
  • Questa notizia riguarda gli accaniti fumatori, dovete sapere che una sigaretta elimina circa 20 mg di vitamina C, i fumatori, oltre a smettere di fumare, devono concentrarsi e riuscire ad assumere una maggior quantità di vitamina per raggiungere il fabbisogno giornaliero consigliato.
Ora vi lascio alle vostre cose e giuro che per una settimana non vi rompo più.
Un caro saluto a tutti,  alla prossima settimana, sempre qui, sempre nel nostro blog.
Preparatevi per l’inverno!