Cosa bevo oggi? Parliamo della Fattoria I Veroni

Buongiorno amici! Ormai il nostro appuntamento fisso della domenica se non vi ha fatto diventare tutti sommelier, almeno avrà stuzzicato la vostra curiosità e vi avrà spronato alla conoscenza delle aziende che ogni volta seleziono per voi e che appartengono al territorio toscano. Oggi vi farò scoprire la Fattoria i Veroni, la cui storia della risale, come complesso agricolo, alla fine del 1500, di proprietà della nobile famiglia Gatteschi, che vi costruì le prime vasche di fermentazione dei mosti. Il documento storico più antico trovato, relativo alla Fattoria I Veroni come complesso agricolo, è datato 1582 e trattasi del testamento di Bartolomeo D’Angiolo Gatteschi nel quale si descrivono i poderi componenti la proprietà de’ I Veroni, i vigneti ed i vitigni presenti all’interno dei singoli poderi.

Il nome “I veroni” deriva da “verone”, termine del toscano antico con il quale si indicava una terrazza, una loggia, coperta o scoperta, ed in particolare, nell’ambiente agricolo, il terrazzino coperto con cui termina la scala esterna delle case di campagna. Presso la Fattoria I Veroni esistevano infatti ampi terrazzamenti costruiti in muratura, dei quali oggi ne resta solo uno. E’ molto probabile che tali mura avessero il compito di essere il punto di appoggio per l’essiccazione delle foglie di tabacco coltivate lungo le rive del vicinissimo fiume Arno. E’ proprio grazie a questi terrazzamenti che successivamente viene dato il nome de I Veroni, sia al complesso edilizio che al luogo dove sorge il tutto.

Prodotti

I Veroni, oggi sono un’ azienda vitivinicola situata nel territorio del Chianti, più precisamente nel territorio della Rùfina, proprio nel Comune di Pontassieve ad una distanza di circa 10 km dalla  bellissima città di FirenzeL’Azienda si estende su una superficie di 70 ettari, 20 dei quali reimpiantati a vigneto. La parte restante è coltivata ad oliveto e vanta un totale di circa 4.000 piante che ogni anno danno origine ad una ottima produzione di olio. L’intero terreno si sviluppa ad un’altitudine che varia dai 100 mt fino a 350 mt sul livello del mare, presso l’antica Pieve di San Martino a Quona, proprio dove sono situati i terreni destinati a vigneto. I vigneti sono stati oggetto di un’ importante opera di reimpianto, intrapresa ad inizio degli anni novanta. Tale opera ha permesso ad I Veroni di contare su impianti di vigneto con una media di 5.000 ceppi ad ettaro. Circa 16 ettari sono stati reimpiantati, con cloni selezionati di Sangiovese, 2 ettari con vitigni internazionali, ed i restanti, con vitigni a bacca bianca destinati alla produzione dell’ottimo Vin Santo del Chianti Rùfina.

I vini storici

I vini che sono prodotti alla fattoria e che rappresentano nel mondo dello storico marchio “I VERONI” sono principalmente quelli legati al territorio: CHIANTI RUFINA DOCG , CHIANTI RUFINA DOCG Riserva ed il VINSANTO DEL CHIANTI RUFINA DOC. A questa linea tradizionale si accostano anche  una serie di prodotti più moderni con INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA, ovvero: ROSSO DI TOSCANA, BIANCO DI TOSCANA, ROSATO DI TOSCANA.

La Cantina, di Pontassieve, si trova nella sede storica della Fattoria, situata all’ingresso della cittadina. La cantina ancora oggi occupa in gran parte gli antichi locali realizzati per la vinificazione nel lontano 1809, oggi recuperati e restaurati per la maturazione in legno dei vini. Una minima parte invece,  occupa i nuovi locali, che sono stati ristrutturati nel 2004 e successivamente adibiti alla fermentazione ed allo stoccaggio. La Vinsantaia è stata conservata all’interno della villa settecentesca, negli storici locali sottotetto, i quali erano stati destinati fin dagli anni cinquanta, allo stoccaggio dei caratelli del Vin Santo, vino ancora oggi prodotto dall’azienda, anche se in piccolissime quantità. Questa è la storia di un’altra azienda che contraddistingue la nostra terra. E mentre vado, ancora una volta, alla ricerca di qualcosa di nuovo, vi auguro buona domenica!